OMNIPAQUE 300MG I ML FL 50ML


Salve!!! Questa pagina e' stata visualizzata da 229 persone!




Dettagli di OMNIPAQUE 300MG I ML FL 50ML

Opinioni su OMNIPAQUE 300MG I ML FL 50ML

  • Attualmente 2.67/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Punteggio: 2.7/5 (3 voti ricevuti)



Aiutaci a migliorare il sito

Per quali motivi (sintomi) hai preso l'ultima volta OMNIPAQUE 300MG I ML FL 50ML ?


La tua eta': Sesso: M F

CAPTCHA Image
Inserisci le lettere che vedi nell'immagine subito sopra
[ Genera un'altra immagine ]





Principi IOEXOLO
Indicazioni Mezzo di contrasto per radiodiagnostica indicato all'uso in urografia,contrast enhancement in tomografia computerizzata, angiografia, angiografia digitalizzata, isterosalpingografia, fistulografia.Medicinale solo per uso diagnostico.”m, plasmocitoma, gravi stati di insufficienza epatica o renale. Gravi stati di sofferenza del miocardio ed insufficienza cardiocircolatoria, specialmente insufficienza destra o scompenso cardiaco; manifesta ipertireosi; pregresse manifestazioni diipersensibilita'ai mezzi di contrasto idrosolubili. Durante la gravidanza od in presenza di processi infiammatori acuti in sede pelvica nondeve essere eseguita una isterosalpingografia.Gravidanza, allattamento.
: Il modesto effetto diuretico osmotico dell'Omnipaque consente un'elevata concentrazione urinaria di mezzo radio opaco per cui e'possibile ottenere un'ottima visualizzazione della pelvi renale e delsistema dei calici. Se il quesito diagnostico richiede anche un sufficiente riempimento degli ureteri la dose non dovrebbe essere inferiorea 50 ml di Omnipaque 300 o 350. Con 50 ml di Omnipaque 300 o 350 iniettati in 1-2' risultano ben contrastati, nella maggior parte dei casi,il parenchimarenale (3-5' minuti dopo l'inizio della somministrazione)e la pelvi con le vie urinarie (8- 15 minuti dopo). Per i pazienti piu' giovani siscegliera' l'intervallo piu' breve, per i piu' anziani quello piu' lungo. Se la visualizzazione non e' sufficiente, sono necessarie ulteriori radiografie. La somministrazione di 75 ml di Omnipaque300 consente tuttavia di ottenere nell'urina la concentrazione di iodio dimostratasi piu' adeguata per il contrasto sia dal parenchima che dalle vie escretrici. In casi particolari, ad esempio nei soggetti consfavorevoli condizioni di escrezione, si puo' aumentare la dose a 100ml ed oltre. La scarsa capacita' di concentrazione nel nefrone infantile che non ha ancora raggiunto il suo completo sviluppo, fa si' che nei lattanti e nei bambini piccoli siano necessarie dosi di Omnipaque 300 e 350 relativamente elevate. Neonati - iodio g/kg: 1,5; omipaque 300ml/kg: 5; omnipaque 350ml/kg: 4. Lattanti - iodio g/kg: 1,0; omnipaque 300ml/kg: 3; omnipaque 350ml/kg: 3. Bambini - iodio g/kg: 0,5; omnipaque 300ml/kg: 1,5; omnopaque 350ml/kg: 1,5. (): Cerebrale: Per il contrast enhancement di neoplasie o altre lesioni vengono impiegati Omnipaque 240 e 300 alle dosi di 1-2 ml/kgo Omnipaque 350 alle dosi di 1-1,5 ml/kg infuse o iniettate per via endovenosa nell'arco di 2-6 minuti. Nella tabella seguente vengono suggeriti i tempi medi di inizio delle scansioni. total body: Le dosidi Omnipaque e le velocita' di somministrazione dipendono dagli organida esaminare, dal quesito diagnostico, ma in particolar modo dal tipodi scanner a disposizione. Con apparecchiature lente si deve preferire l'infusione, con quelle piu' veloci, l'iniezione. : La dose viene stabilita in base ad eta', peso, volume/minuto cardiaco, condizioni generali, quesito diagnostico, tecnica di esame, tipo di estensione della zona da esaminare. Le concentrazioni di iodio da utilizzarecorrispondono a quelle dei mezzi di contrasto ionici classici. Angiografia digitalizzata per sottrazione: Per la visualizzazione di grossivasi e delle arterie del collo, testa, reni ed estremita' si suggerisce di iniettare a bolo e.v. 40-60 ml di Omnipaque 300 o 350 (8-12 ml/sec. via v. cubitalis; 10-20 ml/sec.mediante catetere nella vena cava).L'effetto di spinta puo' essere aumentato mediante iniezione immediatamente successiva a bolo di 20-40 ml di soluzione fisiologica.
Qualora si preveda un eventuale esame diagnostico della tiroide con l'impiego di iodio radioattivo, va tenuto presente che la captazione dello iodio da parte del tessuto tiroideo e'ridotta per 2-6 settimane dopo l'impiego di mezzi di contrasto iodati ad eliminazione renale.
A seguito dell'uso dei prodotti organo-iodati possono verificarsi effetti secondari indesiderati e manifestazioni di tipo anafilattoide o atipo di shock da medicamenti: nausea, vomito, rossore diffuso, sensazione generalizzata di calore, cefalea ed anche sintomi di corizza o diedema laringeo, febbre, sudorazione, astenia, vertigini, pallore, dispnea, lieve ipotensione. A carico della cute possono manifestarsi eruzioni di diverso tipo. Reazioni piu'gravi a carico dell'apparato cardiovascolare quali vasodilatazione periferica con ipotensione marcata, tachicardia, dispnea, stato di agitazione, cianosi e perdita della coscienza possono richiedere misure di emergenza.

Posologia    Mezzi di contrasto iodati.”: Il modesto effetto diuretico osmotico dell'Omnipaque consente un'elevata concentrazione urinaria di mezzo radio opaco per cui e'possibile ottenere un'ottima visualizzazione della pelvi renale e delsistema dei calici. Se il quesito diagnostico richiede anche un sufficiente riempimento degli ureteri la dose non dovrebbe essere inferiorea 50 ml di Omnipaque 300 o 350. Con 50 ml di Omnipaque 300 o 350 iniettati in 1-2' risultano ben contrastati, nella maggior parte dei casi,il parenchimarenale (3-5' minuti dopo l'inizio della somministrazione)e la pelvi con le vie urinarie (8- 15 minuti dopo). Per i pazienti piu' giovani siscegliera' l'intervallo piu' breve, per i piu' anziani quello piu' lungo. Se la visualizzazione non e' sufficiente, sono necessarie ulteriori radiografie. La somministrazione di 75 ml di Omnipaque300 consente tuttavia di ottenere nell'urina la concentrazione di iodio dimostratasi piu' adeguata per il contrasto sia dal parenchima che dalle vie escretrici. In casi particolari, ad esempio nei soggetti consfavorevoli condizioni di escrezione, si puo' aumentare la dose a 100ml ed oltre. La scarsa capacita' di concentrazione nel nefrone infantile che non ha ancora raggiunto il suo completo sviluppo, fa si' che nei lattanti e nei bambini piccoli siano necessarie dosi di Omnipaque 300 e 350 relativamente elevate. Neonati - iodio g/kg: 1,5; omipaque 300ml/kg: 5; omnipaque 350ml/kg: 4. Lattanti - iodio g/kg: 1,0; omnipaque 300ml/kg: 3; omnipaque 350ml/kg: 3. Bambini - iodio g/kg: 0,5; omnipaque 300ml/kg: 1,5; omnopaque 350ml/kg: 1,5. (): Cerebrale: Per il contrast enhancement di neoplasie o altre lesioni vengono impiegati Omnipaque 240 e 300 alle dosi di 1-2 ml/kgo Omnipaque 350 alle dosi di 1-1,5 ml/kg infuse o iniettate per via endovenosa nell'arco di 2-6 minuti. Nella tabella seguente vengono suggeriti i tempi medi di inizio delle scansioni. total body: Le dosidi Omnipaque e le velocita' di somministrazione dipendono dagli organida esaminare, dal quesito diagnostico, ma in particolar modo dal tipodi scanner a disposizione. Con apparecchiature lente si deve preferire l'infusione, con quelle piu' veloci, l'iniezione. : La dose viene stabilita in base ad eta', peso, volume/minuto cardiaco, condizioni generali, quesito diagnostico, tecnica di esame, tipo di estensione della zona da esaminare. Le concentrazioni di iodio da utilizzarecorrispondono a quelle dei mezzi di contrasto ionici classici. Angiografia digitalizzata per sottrazione: Per la visualizzazione di grossivasi e delle arterie del collo, testa, reni ed estremita' si suggerisce di iniettare a bolo e.v. 40-60 ml di Omnipaque 300 o 350 (8-12 ml/sec. via v. cubitalis; 10-20 ml/sec.mediante catetere nella vena cava).L'effetto di spinta puo' essere aumentato mediante iniezione immediatamente successiva a bolo di 20-40 ml di soluzione fisiologica.
Qualora si preveda un eventuale esame diagnostico della tiroide con l'impiego di iodio radioattivo, va tenuto presente che la captazione dello iodio da parte del tessuto tiroideo e'ridotta per 2-6 settimane dopo l'impiego di mezzi di contrasto iodati ad eliminazione renale.
A seguito dell'uso dei prodotti organo-iodati possono verificarsi effetti secondari indesiderati e manifestazioni di tipo anafilattoide o atipo di shock da medicamenti: nausea, vomito, rossore diffuso, sensazione generalizzata di calore, cefalea ed anche sintomi di corizza o diedema laringeo, febbre, sudorazione, astenia, vertigini, pallore, dispnea, lieve ipotensione. A carico della cute possono manifestarsi eruzioni di diverso tipo. Reazioni piu'gravi a carico dell'apparato cardiovascolare quali vasodilatazione periferica con ipotensione marcata, tachicardia, dispnea, stato di agitazione, cianosi e perdita della coscienza possono richiedere misure di emergenza.

Contro Indicazioni Ipersensibilita'al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti. Paraproteinemie di Waldenstr”m, plasmocitoma, gravi stati di insufficienza epatica o renale. Gravi stati di sofferenza del miocardio ed insufficienza cardiocircolatoria, specialmente insufficienza destra o scompenso cardiaco; manifesta ipertireosi; pregresse manifestazioni diipersensibilita'ai mezzi di contrasto idrosolubili. Durante la gravidanza od in presenza di processi infiammatori acuti in sede pelvica nondeve essere eseguita una isterosalpingografia.Gravidanza, allattamento.
Effetti Indesiderati    Mezzi di contrasto iodati.”A seguito dell'uso dei prodotti organo-iodati possono verificarsi effetti secondari indesiderati e manifestazioni di tipo anafilattoide o atipo di shock da medicamenti: nausea, vomito, rossore diffuso, sensazione generalizzata di calore, cefalea ed anche sintomi di corizza o diedema laringeo, febbre, sudorazione, astenia, vertigini, pallore, dispnea, lieve ipotensione. A carico della cute possono manifestarsi eruzioni di diverso tipo. Reazioni piu'gravi a carico dell'apparato cardiovascolare quali vasodilatazione periferica con ipotensione marcata, tachicardia, dispnea, stato di agitazione, cianosi e perdita della coscienza possono richiedere misure di emergenza.