DOLOPROCT CREMA RETT 30G


Salve!!! Questa pagina e' stata visualizzata da 54 persone!




Dettagli di DOLOPROCT CREMA RETT 30G

Opinioni su DOLOPROCT CREMA RETT 30G

  • Attualmente 3.00/5
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Punteggio: 3.0/5 (2 voti ricevuti)



Aiutaci a migliorare il sito

Per quali motivi (sintomi) hai preso l'ultima volta DOLOPROCT CREMA RETT 30G ?


La tua eta': Sesso: M F

CAPTCHA Image
Inserisci le lettere che vedi nell'immagine subito sopra
[ Genera un'altra immagine ]





Principi FLUOCORTOLONE PIVALATO/LIDOCAINA CLORIDRATO
Indicazioni Per la risoluzione sintomatica del dolore e dell'infiammazione associati a: emorroidi, proctite, eczema anale.
Posologia La crema rettale deve essere applicata due volte al giorno, al mattinoe alla sera (fino a circa un grammo di crema per applicazione). Nei primi giorni di trattamento, puo' essere applicata tre volte al giorno.Al miglioramento dei sintomi, in molti casi e' sufficiente una sola applicazione al giorno. E' consigliabile applicare Doloproct crema dopola defecazione. La regione anale deve essere accuratamente detersa prima dell'applicazione. La durata complessiva del trattamento non deveessere superiore a 2 settimane. Applicare una piccola quantita' di crema rettale nella regione anale aiutandosi con la punta del dito per superare la resistenza dello sfintere. Se la crema deve essere applicataall'interno del retto, avvitare l'applicatore in dotazione sul tubo eintrodurne l'estremita' nell'ano. Una piccola quantita' di crema puo'quindi essere applicata esercitando una lieve pressione sul tubo.
Contro Indicazioni L'uso e' controindicato in caso di infezioni topiche nell'area da trattare e se nell'area interessata sono presenti sintomi riconducibili aiseguenti quadri patologici: lesioni cutanee specifiche (sifilide, tubercolosi), varicella, reazioni a vaccini, Herpes genitalis. I dati relativi all'uso crema rettale nelle donne in gravidanza sono insufficienti. Gli studi sull'animale condotti con glucocorticoidi hanno evidenziato tossicita' riproduttiva. Alcuni studi epidemiologici suggerisconoil possibile aumento del rischio di palatoschisi nei neonati di donneche erano state trattate con glucocorticoidi per via sistemica duranteil primo trimestre di gravidanza. La palatoschisi e' una patologia rara e, pur essendo i glucocorticoidi per via sistemica teratogeni, questi ultimi possono essere considerati responsabili soltanto dell'aumento di uno o due casi ogni 1000 donne trattate durante la gravidanza. Idati relativi all'uso topico di glucocorticoidi nelle donne in gravidanza sono insufficienti, tuttavia ci si puo' attendere un rischio inferiore, avendo i glucocorticoidi per via topica una biodisponibilita' sistemica molto bassa. Come regola generale, le preparazioni per uso topico contenenti glucocorticoidi non devono essere applicate durante ilprimo trimestre di gravidanza. Nelle donne in gravidanza e durante l'allattamento occorre valutare attentamente le indicazioni cliniche perun trattamento con Doloproct e il rapporto rischio/beneficio. In particolare deve essere evitato l'uso prolungato.
Effetti Indesiderati L'incidenza di effetti indesiderati e' stata calcolata dai dati aggregati derivati da studi clinici condotti su 661 pazienti. Gli effetti indesiderati riguardano esclusivamente disturbi cutanei nella regione anale, quali bruciore come effetto indesiderato comune (>=1%, <10%) e irritazione e reazioni allergiche come effetti indesiderati non comuni (>=0,1%, <1%). Dopo una terapia prolungata con il farmaco (di durata superiore a quattro settimane), esiste il rischio che i pazienti possanosviluppare alterazioni cutanee locali, quali atrofia, strie o teleangectasie. In caso di applicazione alla regione genitale o anale, gli eccipienti paraffina liquida e vaselina bianca possono ridurre la resistenza dei profilattici in lattice usati contemporaneamente, pregiudicando in tal modo la loro sicurezza. E' necessario prestare attenzione affinche' il prodotto non venga a contatto con gli occhi. E' consigliabile lavarsi bene le mani dopo l'uso. Il trattamento di bambini ed adolescenti deve essere evitato, non essendo stati condotti studi clinici in questi pazienti.